Guida al posizionamento internazionale sui motori di ricerca

guida per installare wp
Installare WordPress su Serverplan, TopHost e Altervista
marzo 15, 2018
SEO o PPC: foto
SEO o PPC: quale scegliere?
aprile 3, 2018

Guida al posizionamento internazionale sui motori di ricerca

Posizionamento internazionale sui motori di ricerca: foto

Per molte aziende il posizionamento internazionale sui motori di ricerca sta diventando davvero cruciale. Se si utilizzano le tecniche SEO giuste, infatti, anche le ditte più piccole possono spiccare il volo nei Paesi esteri.

Se non sai come si fa a ottimizzare un sito a livello internazionale, ti consigliamo di proseguire nella lettura di questo articolo e di seguire il nostro blog per essere sempre aggiornato.

Se stai pensando di promuovere i tuoi contenuti online all’estero, devi sapere che hai a disposizione tantissime informazioni per ottenere risultati concreti. Occhio solo a non incappare in nozioni superate che potrebbero danneggiare il tuo lavoro. Ti consigliamo, quindi, di accertarti che le notizie che leggi siano sempre aggiornate e al passo con i tempi.

Per un buon posizionamento internazionale sui motori di ricerca ci sono diverse stretegie da seguire …

Spesso abbiamo notato che le versioni internazioni di alcuni siti sono semplicemente il copia e incolla del sito originale (ovviamente tradotto nella lingua del Paese di destinazione).

Anche se la traduzione e la localizzazione sono il primo passo da compiere, è necessario che i siti siano ottimizzati tenendo conto dei bisogni specifici del territorio di riferimento. Se un sito ha ottime prestazioni negli Stati Uniti, potrebbe non avere lo stesso successo in Italia o in Asia. Se vuoi estendere il tuo business su questi ultimi mercati, dovrai concentrarti sull’ottimizzazione specifica per ogni territorio.

Quando revisioni i tuoi siti internazionali, è importante considerare le loro performance generali per non correre il rischio che competano tra loro o che, nei casi peggiori, non vengano proprio indicizzati.

Facciamo un esempio: se hai un sito studiato per il Messico, lo stesso sito non dovrà apparire o avere una performance migliore in Spagna.

Se usi in modo improprio il tag canonico o il tag hreflang, alcuni siti potrebbero non essere indicizzati dai motori di ricerca o creare indici duplicati.

Marketing internazionale

Se hai dubbi sulle opportunità che potresti avere all’estero o se devi convincere i tuoi superiori prima di avventurarti in questo settore, ecco alcune idee da seguire per stabilire quali possono essere i mercati e le nazioni a cui dare priorità:

  • siti web governativi e di organizzazioni commerciali: forniscono le ultime notizie e le statistiche sulle aziende e sul commercio internazionale;
  • report e statistiche di aziende: in tutti i Paesi le aziende principali mettono a disposizione documenti che mostrano i propri risultati su base trimestrale, semestrale ecc.;
  • i tuoi dati analitici: hai notato di avere visitatori da altri Paesi? Da quale Paese/Paesi esattamente? È bene prestare attenzione a questi elementi, specialmente se hai già delle conversioni dall’estero.

Meglio avere un sito per ogni nazione oppure no?

Se il tuo mercato è abbastanza grande da permetterti un investimento, la risposta è sì.

Avere un sito dedicato per ogni nazione non è utile solo per una questione di SEO, ma anche per fornire ai visitatori locali una migliore user experience.

Alle piccole aziende, invece, consigliamo di creare siti tradotti appositamente per i Paesi nei quali stanno sviluppando il proprio business. Fortunatamente si possono usare i tag Hreflang per comunicare a Google la lingua del sito.

La scelta del dominio

La scelta del dominio è fondamentale per il posizionamento internazionale sui motori di ricerca. Meglio optare per un dominio di primo livello generico o nazionale?

Se questa domanda ci fosse stata fatta nel 2008, di certo avremmo risposto che la scelta migliore era un dominio di primo livello nazionale (ccTLD). Dieci anni dopo, però, questi domini non hanno molto impatto per la SEO, perché sono state create nuove opzioni per il target geografico dei siti, specialmente con Google.

Non dimenticare, però, che motori di ricerca come Baidu ancora preferiscono siti con ccTLD locali.

Targeting geografico

Strategie SEO: foto

Ci sono diversi modi per impostare il targeting geografico di siti e pagine. Di seguito indichiamo i metodi più diffusi:

  • geolocalizzazione nella Google Search Console;
  • tag hreflang per Google;
  • informazioni sui meta tag della lingua per Bing.

È bene tener presente che di recente Google ha iniziato a generare i risultati di ricerca in base alla posizione di chi cerca, a prescindere dalla versione locale di Google che si utilizza.

Hai notato che in passato se cercavi la stessa keyword su Google.com, Google UK o Google Australia avevi risultati diversi?

Oggi però otterrai gli stessi risultati in tutte e tre le ricerche, a meno che non imposti la ricerca in tre nazioni diverse.

Marketing internazionale: Google sì o Google no?

Anche se Google oggi è il motore di ricerca più popolare del mondo, in alcune nazioni esistono motori di ricerca locali che sono di gran lunga più popolari di Google. Se vuoi fare affari in uno dei Paesi indicati nella lista seguente, allora dovrai ottimizzare le tue pagine anche alla luce dei loro motori di ricerca:

  • Cina
  • Russia e nazioni dell’Est Europa
  • Corea del Sud

Consigli per il posizionamento internazionale sui motori di ricerca

Tra le sfide più difficili per un’azienda ci sono le risorse locali. Nessuno ha il lusso di avere risorse illimitate in ogni nazione.

La chiave del successo è pianificare anticipatamente compiti e responsabilità del quartier generale e degli uffici locali, come:

  • risorse tecniche: IT e operazioni web;
  • risorse linguistiche: localizzazione di contenuti e ottimizzazione;
  • analisi dei dati dei siti: fare report sulle opportunità SEO.

Se non hai uffici in altre nazioni, potresti assumere risorse esterne.

Quella che avete appena letto è una mini-guida su come migliorare il proprio posizionamento internazionale sui motori di ricerca.

Ricorda, però, che la SEO internazionale è molto di più di quello che abbiamo descritto, anche se abbiamo toccato i punti chiave del suo sviluppo.